Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze

In breve

:: ALBO

:: CONSIGLIO

:: CONSIGLIO DI
   DISCIPLINA

:: SEGRETERIA

:: CORSI

:: SEMINARI E
   CONVEGNI

:: PATROCINIO

:: BANDI

:: COMMISSIONI

:: CONVENZIONI

:: OFFERTE LAVORO

:: SQUADRA DI CALCIO

:: ATTIVITA'
   AGGREGATIVE

:: NEWSLETTER

:: RASSEGNA STAMPA
   CNI

:: CIRCOLARI CNI

:: PEC

:: FIRMA DIGITALE

:: FORMAZIONE

:: AMMINISTRAZIONE
   TRASPARENTE

 

 

ALBO INDIRIZZI PEC
DEI PROFESSIONISTI

Ministero dello Sviluppo Economico

 

CONSULTA INTERPROFESSIONALE
PRESSO IL COMANDO VVF FIRENZE

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze

 

Linea due

Login

Se sei già registrato al sito

REGISTRAZIONE
Registrandoti avrai accesso allo Sportello Ambiente e allo Sportello Sicurezza
La registrazione è riservata ai soli iscritti all'Ordine

Consulta Interprofessionale presso il Comando dei VVF di Firenze

Quesiti & Risposte

1 2 3 4 5 6

Quesito n. 1 - Regola Tecnica Autorimesse
Punto 3.9.0. Ventilazione naturale - ….di un sistema di aerazione naturale costituito da aperture ricavate nelle pareti e/o nei soffitti e disposte in modo da consentire un efficace ricambio dell'aria ambiente, nonché lo smaltimento del calore e dei fumi di un eventuale incendio.
Sembrerebbe rilevarsi che le aperture di aerazione, al fine di consentire i necessari ricambi dell’aria, debbano intendersi come permanenti.
Punto 3.9.1. Superficie di ventilazione -… Nei casi nei quali non è previsto l'impianto di ventilazione meccanica di cui al successivo punto, una frazione di tale superficie - non inferiore a 0,003 m2 per metro quadrato di pavimento - deve essere completamente priva di serramenti.
E’ possibile prevedere superfici di aerazione dotate di infissi apribili e dotare l’autorimessa di aperture permanenti con superficie uguale o superiore a quella indicata la 3.9.1?
Le suddette superfici permanenti devono essere comunque uniformemente distribuite e poste a distanze non superiori ai 40 m?
Quesito n. 2 -  Regola Tecnica Autorimesse
Punto 3.10.7. Scale - Ascensori - Per le autorimesse situate in edifici aventi altezza antincendi maggiore di 32 m, le scale e gli ascensori devono essere a prova di fumo, mentre per le autorimesse situate in edifici di altezza antincendi inferiore a 32 m sono ammesse scale ed ascensori di tipo protetto.
In un’autorimessa ad un solo piano (interrato o f.t.) le scale che conducono al piano terra direttamente su spazio a cielo libero devono comunque rispettare i requisiti di cui al punto 3.10.7? No, ma la scala deve essere considerata nel computo della lunghezza della via di esodo.
Quesito n. 3 -  regola tecnica Uffici
Un locale di 100 mq destinato ad archivio. Se viene suddiviso in tanti singoli compartimenti di superficie non superiore a 15 mq e ferme restando le prescrizioni del punto 8.3.1 (resistenza al fuco, carico incendio etc.) si configura sempre come un archivio di 100 mq? Si configura sempre l’attività 43? No. No.
Quesito n. 4 -  Generale
Come noto la cric. 91/61 è andata in pensione ed è stato emanato un nuovo decreto per la valutazione, gabellare e non, della resistenza al fuoco delle strutture. La nuova disposizione non si applica alle attività per le quali è già stato rilasciato il CPI o il parere di conformità antincendio.
Nel caso un’attività priva di CPI o parere di conformità ma costruita in anni antecedenti le nuove disposizioni (casi non rari), ad esempio un edificio di civile abitazione con altezza in gronda superiore a 32 m o altra attività, con quale disposizione deve essere certificata la resistenza al fuoco? Con la nuova.
Quesito n. 5 -  Scuole
Nell’art. 5.2   del DM 26.8.89 per le scuole con più piani fuori terra, è richiesta, oltre alla scala che serve al normale deflusso, almeno una scala di sicurezza esterna o una scala a prova di fumo. Nella lettera circolare P2244/4122 sott. 32 del 30.10.96 al punto B2 è ammesso che per edifici fino a 2 piani fuori terra possa essere realizzata una sola scala rispettando specifiche condizioni.
Un edificio scolastico costituito da un piano seminterrato, dal piano terreno e dal piano primo considerando che l’accesso principale avviene dal piano terreno, e che il piano seminterrato è dotato di proprie uscite verso l’esterno, può essere considerato compreso nel punto B2 della LC? Il quesito nasce dal fatto che riferendosi  alla parte del piano seminterrato accessibile dall’esterno, l’edificio è composto da 3 piani fuori terra, riferendosi all’accesso principale posto al piano terreno, l’edificio è a due piani fuori terra. Occorre una seconda scala.
Quesito n. 6 -  Scuole
Nella lettera circolare P2244/4122 sott. 32 del 30.10.96 al punto B2 è ammesso che per edifici fino a 2 piani fuori terra possa essere realizzata una sola scala rispettando specifiche condizioni tra cui la lunghezza del percorso di piano.
La lunghezza deve essere calcolata dalla parete finale del corridoio, o può essere calcolata dalla porta dell’ultima aula attestata del corridoio? Se la parte terminale del corridoio è costituita da servizi igienici,  la lunghezza di piano deve essere calcolata dalla porta di accesso a questi o dalla porta di accesso all’ultima aula? La lunghezza deve essere calcolata comprendendo anche i servizi igienici.
Quesito n. 7 -  Ascensori
L’attività 95 è riferita ad  ascensori e montacarichi  in servizio privato, aventi corsa sopra il piano terreno maggiore di   20m, installati in edifici civili  aventi altezza in gronda maggiore di 24m e quelli installati in edifici industriali di cui all’art. 9 del DPR29.5.63 n. 1497.
Un ascensore installato nei casi sottoindicati, costituisce attività 95?
1. edificio, destinato esclusivamente ad uffici;
2. edificio destinato ad uffici, con un locale deposito;
3. edificio destinato ad uffici, con un locale autorimessa.
1. solo se supera 20m;
2. maggiore di 20m o attività artigianale;
3. maggiore di 20m.
Quesito n. 8 -  sistemi aperture porte
Esistono degli orientamenti per la realizzazione di idonei e sicuri sistemi di apertura delle porte di uscita di sicurezza presenti in strutture sanitarie con pazienti con particolari patologie? Non esistono orientamenti specifici, comunque deve essere valutato qualcosa nel sistema di gestione della sicurezza e nel Piano della Sicurezza; bisogna comunque valutare caso per caso.
Quesito n. 9 -  D.Lgs. 6262/94
In merito all’applicazione del D.Lgs. 626/94, quali sono le attività a specifico rischio incendi? E questo come si collega al D.P.R. 37/98? Individuate le caratteristiche dei rischi della nostra attività, occorre la verifica in base al D.Lgs. 626/94 o al D.M.I. 10 Marzo 1998.
Quesito n. 10 -  vano corsa e montacarichi
Nelle attività non industriali e non civili, il vano corsa ascensore e montacarichi, è un’attività soggetta al D.M. 16/02/1982? I vani corsa di ascensori e montacarichi installati in attività artigianali sono assimilabili ad attività industriali e quindi sono sempre soggette indipendentemente dalla lunghezza del vano corsa.
I vani corsa di ascensori e montacarichi installati in edifici non civili sono attività 95 qualora la lunghezza del vano corsa sia maggiore di 20 mt

1 2 3 4 5 6

 

Consulta Inteprofessionale
presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Firenze
consulta@ordineingegneri.fi.it

News

Documenti

Presentazione
( PPS, 1,94MB)

Legislazione

Modulistica

Attività

Informazione al cittadino (Web TV www.d26.it)

Convegni

Quesiti

Quesiti e risposte

Hai un quesito?
(Solo utenti registrati)

 

 
 
 
Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze  -  Torna alla homepage